Formazione Politica

I 6 libri da leggere per capire il Popolo della Famiglia

Il Popolo della Famiglia è un movimento politico nato per entrare nelle istituzioni e dare rappresentanza ad idee che, altrimenti, sarebbero state relegate in ambito accademico e culturale.

Comprendere queste idee vuol dire comprendere il PdF.

Però le idee, e specialmente quelle articolate e complesse, viaggiano all’interno di libri la cui emissione ha segnato la storia del movimento stesso.

In questo articolo, vogliamo proporvi sei libri che, secondo noi, meritano di essere letti da chi vuole capire l’essenza culturale di questo movimento politico.

Voglio la Mamma – Mario Adinolfi (2014)

Se fosse vero che le storie hanno un momento di inizio, la storia del PdF probabilmente verrebbe fatta spiccare partendo dalla pubblicazione di questo libro.

Nel 2014, Mario Adinolfi cercò di provocare la sinistra italiana autopubblicando con l’editore youcanprint.it il libro Voglio la mamma, in cui contesta quelli che egli definisce i “falsi miti di progresso” (aborto, eutanasia, matrimonio omosessuale, surrogazione di maternità), invitando la sinistra a stare dalla parte dei più deboli: il bambino non ancora nato, l’anziano e il malato grave, il neonato che vuole la mamma.

La sinistra italiana fece quello che sapeva fare meglio, si scandalizzò ed iniziò a demonizzare l’autore delle idee con cui non voleva confrontarsi.

Gender (d)istruzione. Le nuove forme d’indrottinamento nelle scuole italiane – Gianfranco Amato (2015)

Il libro “Gender (d)istruzione” di Gianfranco Amato, presidente dei “Giuristi per la vita” e segretario del Popolo della Famiglia è un vero e proprio pamphlet “di lotta”.

Agile, di facile lettura, il libretto dato alle stampe per i tipi di “Fede e Cultura” permette di avere un ritratto documentato della situazione complessiva dell’educazione sessuale di orientamento omosessualista nelle scuole italiane. Atti di consiglio, casi reali da lui seguiti, testi di interrogazioni parlamentari in cui si cerca di capire – cosa che non è ancora realmente chiara, il che fa pensare al peggio – quale sia la posizione ufficiale del Ministero dell’Istruzione su questo tema, con pezzi delle istituzioni smaccatamente pro e altri contro.

Quando si parla di gender, Gianfranco Amato è un vero e proprio punto di riferimento per i militanti del Popolo della Famiglia e, di conseguenza, chi vuole comprendere l’unico movimento politico che nel proprio simbolo riporta la dicitura “No gender nelle scuole” deve assolutamente leggere questo libro.

Una gioventù sessulamente liberata (o quasi) – Thérése Hargot(2017)

Il saggio “Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)” di Thérèse Hargot  è stato tradotto e poi proposto da Giovanni Marcotullio (capo redattore de La Croce Quotidiano) e contiene una descrizione degli effetti della così detta liberazione sessuale soprattutto sui giovani. E’ scritto da una sessuologa belga non cattolica impegnata nell’educazione sessuale dei ragazzi delle scuole.

E’ stato inserito in questa lista in quanto è stato letto da molti militanti che sono rimasti turbati dall’effetto della pornografia online sull’immaginario (e sulla vita) sessuale di tutti noi. Soprattutto, ha inquietato l’immagine di ragazzini che, ancora prima ancora prima di formarsi una identità sessuale (cioè intorno ai 10 anni), fruiscono di contenuti capaci di trasformare il sesso in un veicolo di infelicità e solitudine.

Dopo averlo letto, il Presidente del Popolo della Famiglia Mario Adinolfi ha iniziato una importante campagna contro la pornografia online.

L’illuminismo è finito ma noi non andiamo in pace (2016) – Il futuro dei cattolici in politica. Dalla DC al family day, la sfida alla società radicale di massa (2017) – Fabio Torriero

Fabio Torriero è un punto di riferimento per tutti coloro che ricercano un approfondimento dei temi proposti dal Popolo della Famiglia.

Volte andare più a fondo e capire chi sta portando il gender nelle scuole?

Volete capire l’ISIS? Volete capire il grillismo?

Volete capire perché i cattolici non sono mai veramente riusciti a lasciare il segno nella società democratica?

Volete capire perché abbiamo avuto Renzi e perché abbiamo avuto Berlusconi?

Volete una mappa di categorie che vi permetta di leggere la realtà?

Ve lo dico subito, se volete questo, dovrete fare un po’ di fatica. Questo è un mondo complesso che Fabio Torriero spiega in modo più semplice possibile per mezzo di due libri che vanno letti dagli amici desiderosi di andare più a fondo.

O capiamo o moriamo – Mario Adinolfi (2017)

Dopo due anni di impegno politico nel PdF, Mario Adinolfi ha voluto raccogliere in un unico libro le motivazioni delle nostre fatiche.

Ne è risultato un libro snello, quasi un manuale, pieno zeppo di dati.

Un libro che sta in tasca e può essere preso in qualsiasi momento ci servano informazioni utili a difendere le idee del Popolo della Famiglia.

Parla di Politica Cristiana, di gender, del fatto che il popolo italiano non fa più figli e perde più di 200.000 cittadini l’anno, dello sterminio dei più deboli, di utero in affitto, prostituzione, droga ed altri commerci di schiavi, parla di terrorismo ed invasione islamica.

Parla soprattutto delle proposte del PdF per affrontare questi problemi.

Questo è un libro da imparare a memoria e diffondere in ogni modo.

Siete d’accordo con noi?

Ritenete che dovremmo citare altri testi?

Pubblicate la vostra opinione nei commenti!