Formazione Politica

LA NECESSARIA FORMAZIONE POLITICA

Il prof. Lorenzo Ornaghi, già rettore dell’Università Cattolica di Milano (2002-2012), ha esaminato in un recente saggio le difficoltà ma anche l’urgenza per i cattolici – e non solo – di formare alla politica. Partendo dall’ovvia ma non sempre scontata (almeno oggi) premessa che «un ceto politico non s’improvvisa», il politologo lombardo ha evidenziato la necessità di promuovere corsi di formazione «particolarmente fra i cattolici o, per essere più precisi, negli strati che sono o sono stati più “impegnati” all’interno delle varie componenti di quello che un tempo era uso chiamare il “mondo cattolico”».

La questione, rileva giustamente Ornaghi, che «si riapre in modo carsico, e cioè ogniqualvolta cambiamenti e assetti politico-partitici sembrano poter fare a meno di una presenza organizzata dei cattolici», dovrebbe investire innanzitutto «l’acquisizione e la buona gestione di una leadership», che dovrebbe dipende sì dalle caratteristiche e qualità personali, ma il cui conseguimento si richiede in tempi e con modalità straordinarie in relazione alle vicende contingenti e specifiche della storia.

«A pensarci bene – conclude lo studioso cattolico –, è appunto la realtà odierna a conferire […] il carattere di un’eccezionale urgenza. I mutamenti e gli stravolgimenti che in una stupefacente manciata di pochissimi anni hanno trasformato la fisionomia delle società dell’Occidente, con forza ben maggiore che non in un passato lontano o recente, impongono di valutare quanto sia divenuto stretto e fin quasi soffocante il nesso fra la politica e la società, fra un ceto politico ondeggiante a seconda delle fluttuazioni di un “consenso” vero o immaginato e la miriade di “minoranze sociali” protese ad avvantaggiarsi grazie all’intensità di rapporti solidali o complici con questa o quella forza politica. E chiedono, per automatica conseguenza, di tenere bene a mente in quale crescente misura non solo e non tanto gli esiti positivi o negativi della politica e i rendimenti di un ceto politico, bensì e soprattutto la vita sociale di domani dipendano anche, e in modo speciale, dalla formazione politica».

Fonte: Lorenzo Ornaghi, Educare alla politica. Ma come?, in “Studi Cattolici”, n. 680, anno LXI, Milano ottobre 2017, pp. 670-671.