Ripetitori

DEDICATO A MARI STELLA.

DEDICATO A MARI STELLA
di Mario Adinolfi

I nostri numeri sono stati cucinati in tutte le salse, sui giornali e sui blog, ma ne manca uno ed è 7.864 (219.535 i voti alla Camera, 7.864 in più che al Senato dove votano solo gli over 25). Sono quasi ottomila infatti gli under 25, i giovanissimi che hanno votato per il Popolo della Famiglia. Girando l’Italia se ne incontravano molti: c’erano i diciottenni al primo voto, spesso portati dai genitori che assicuravano il sostegno alla lista per motivi legati al loro percorso di fede. C’erano giovane coppie che volevano sposarsi interessate e molto all’idea di reddito di maternità. C’erano studenti, studenti lavoratori, lavoratori e basta. Poi c’era Mari Stella, giovane dirigente del Popolo della Famiglia in Abruzzo, neanche ventitré anni e già mamma ma sempre in prima fila a produrre il massimo sforzo per il successo del PdF. Bisogna tornare a far innamorare i giovani e i giovanissimi dell’idea di famiglia, di costruirne presto una loro, in faccia a tutte le difficoltà e a tutti gli inviti alla deresponsabilizzazione che arrivano a questi ragazzi dalla società del consumo e del divertimento ad ogni costo. Mari Stella si diverte come ragazza, si diverte come mamma, si diverte con la figlia e nel divertimento è inclusa una dose massiccia di fatica, di compiti indifferibili da svolgere, di responsabilità. A tutto questo Mari Stella e altre migliaia di ragazze e ragazzi hanno associato anche l’impegno militante per il Popolo della Famiglia. Noi abbiamo un futuro luminoso perché gli sguardi di questi giovani sono luminosi quando parlano della loro esperienza nel PdF. Non so in quale altro movimento politico si incontrano ragazzi con uno sguardo così.